top of page

ESCURSIONE IN PRIMAVERA IN VAL DI FIEMME: DAL DOSS DEI BRANCHI VERSO IL MONTE CORNON

Dal Doss dei Branchi verso il monte Cornon, una magnifica escursione in primavera in Val di Fiemme ti sta aspettando!


La magia dell'inverno e dell'estate in Val di Fiemme è conosciuta e apprezzata da tutti. Perché non riscoprire anche il fascino della primavera? Quando la neve inizia piano piano a sciogliersi e la prima timida vegetazione comincia a fare capolino dopo un lungo riposo invernale. Nelle soleggiate giornate di primavera è già possibile addentrarsi nei sentieri di montagna, camminare tra le neve, i prati in quota e l'immenso cielo azzurro.


Io e Olaf abbiamo deciso di dedicarci una soleggiata giornata di inizio primavera sperimentando un trekking dalle mille sorprese: l’itinerario del Doss dei Branchi verso il Monte Cornon è pieno di momenti bellissimi ed inaspettati.

Siamo partiti attrezzati ma senza ciaspole, ormai il tempo del grande manto innevato è passato e possiamo permetterci di viaggiare leggeri (o forse no?).


Un po' di fatica si può risparmiare perché in questo periodo gli impianti di Pampeago sono ancora aperti. Basta prendere l'impianto dell'Agnello e una volta arrivati seguire le indicazioni per il Doss dei Branchi.

Si cammina molto bene ma in alcuni tratti l'inverno non si è ancora ritirato e la neve e tanta da farci sprofondare quasi per un metro. Un'avventura dalle mille risate!



Addentrandosi verso il Monte Cornon e il percorso risulta talvolta difficoltoso a causa della neve, ma la nostra fatica è ripagata dagli scorci incredibili che si dispiegano davanti ai nostri occhi.


Ci fermiamo in un grande prato soleggiato per mangiare il nostro pranzo al sacco.

È bene ricordarsi di portare con sé tutto l'occorrente per un picinic; ci sono dei bivacchi in cui sostare ma il primo punto di ristoro si trova alla Baita Caserina, ovvero alla fine del giro.

Panorami mozzafiato, un grande silenzio e la temperatura perfetta... semplicemente magico! Come se non bastasse, in questo periodo è possibile ammirare la prima vegetazione che inizia a rinascere, e tornando dal Cornon si cammina immersi in un bosco di pino mugo, una vera e propria meraviglia!


L'ultimo tratto del percorso ha anche un piccolo bonus: prima di arrivare alla Baita Caserina si entra nel parco di respirart, una passeggiata unica tra le opere di Land-Art di artisti internazionali. Qui la natura e l’arte si incontrano in un dialogo inedito. Davvero la ciliegina sulla torta di questa giornata indimenticabile!


 

Per scoprire i dettagli tecnici dell'escursione: vecchiescarpe.blogspot.com

Comentários


bottom of page